Mauro Papale – Primavera d’amore

Share

Mauro Papale
Primavera d’amore
Olio su tela, cm. 120×90
Anno 2013
Con lo spiccato senso del colore che da sempre contraddistingue la sua opera pittorica, Mauro Papale racconta il sentimento d’amore ambientandolo in un ambiente marino che interpreta ed esalta il trasporto passionale che muove le due figure al centro della scena. Un uomo e una donna rapiti da una musica che, oltre a guidare i loro passi, determina i rapporti coloristici del paesaggio che fa da sfondo. Il cielo è un’alternanza ritmica di colori vivaci dati per brevi pennellate che diffondono la luce con uguale intensità; la luna è un grande faro che illumina la scena, accentuando la profondità spaziale del dipinto e insieme la sua capacità evocativa. Come spesso accade nella produzione pittorica di Papale, le figure sono costruite senza l’ausilio del disegno ma soltanto per mezzo del colore. Le silhouttes dei due ballerini si stagliano sullo sfondo esibendo una corporeità al contempo energica e sensuale, che li vede cristallizzati in un passo di danza da cui sprigiona un’incredibile tensione dinamica. Con raffinata sensibilità, l’artista livornese racconta la “joie de vivre”, ovvero quei rari e brevi istanti in cui ci è dato di conoscere una felicità piena, uno stato di grazia che rende le nostre esistenze leggere e agili come i due ballerini. La danza, nel suo caso, non è soltanto un simbolo di vitalità, ma è un’arte complessa che coinvolge l’intera persona nell’atto simultaneo di muoversi, pensare, sentire. E’ un linguaggio che appartiene a ciascuno di noi e che coinvolge anche la musicalità interna al nostro corpo: il ritmo del respiro, il battito del cuore, l’andamento variabile delle emozioni. L’amore stesso, in fondo, altro non è che un “pas de deux”, che inizia in coppia, prosegue con degli assoli e si conclude con un finale virtuosistico in cui è celato il mistero di due anime che tra mille altre si riconoscono e si scelgono.
Daniela Pronestì

Mauro Papale

Mauro Papale

Comments

comments