Share

Votate cliccando sulla stellina

(6 votes, average: 1,00 out of 1)
Loading...

Erika Azzarello

Gravity II

Anno  2016
Olio su tela , cm.  90×100

Cadere e poi vivere in costante equilibrio precario rinunciando ai gesti quotidiani.

Ciò che prima era ovvio diviene prezioso.

Gravity è un progetto (di cui fa parte Gravity II) che esprime il desiderio di rialzarsi più forti di prima, ma con la consapevolezza dei segni che la caduta ha lasciato.

Segni divenuti graffi di colore impressi sulla pelle.

Il dolore si trasforma, si evolve e diviene qualcosa di forte, positivo e indelebile.

Erika Azzarello nasce a Catania dove attualmente vive e lavora.
Apprende la tecnica della pittura ad olio presso il laboratorio del M° Franco Sciacca (apprezzato rappresentante del divisionismo siciliano) ed approfondisce contemporaneamente, da autodidatta, lo studio di altre tecniche (grafite, sanguigna, pastello morbido, acquerello e penna biro), dimostrando una netta tendenza verso il realismo figurativo.

Negli anni rielabora quanto appreso e la sua pittura si inquadra, oggi, in una sorta di impressionismo contemporaneo.
Dal 2009 partecipa a numerose collettive e concorsi d’arte in Italia, riscuotendo consensi di critica e pubblico.

Nel 2014 la prima personale nella sua città, a cura di Artisti Italiani (Benedetta Spagnuolo curatrice).

Alcune sue opere fanno parte di collezioni private in Italia ed all’estero.

“dimostra (…) come a volte i più acerrimi nemici o, standardizzati erroneamente come tali, ovvero Verismo ed Astrattismo, possano straordinariamente firmare un patto profondo ed interessante di complicità. (…)

Dalla sua mano infatti arriva un segnale che vive a mezz’aria tra carezza e pugno, tra racconto perfetto del vero e sublimazione del suo possibile astratto.” Renato Iannone, Architetto&Creative Designer IoDesign

Attenzione: si vota solo cliccando sulla stellina in cima al post




Comments

comments