Share

Votate cliccando sulla stellina

5 votes, average: 1,00 out of 1 (5 votes, average: 1,00 out of 1)
You need to be a registered member to rate this.
Loading...

Giuseppe Di Canosa

Radici

Anno 2013

Olio su tela, cm. 120X90

….la certezza della consapevolezza legata all’indagine razionale e pura, pur sempre astratta nella sua più intima palpitazione, mi permette di scandagliare ed affogare nel liquido della dissacrazione e del narcisismo, del pathos e dell’incredulità, della vergogna e della pudicizia, della consistenza e dell’evanescenza.

Giuseppe DI CANOSA, Trani ( Bat ), 1959

Formazione didattica: Liceo Artistico, Accademia Belle Arti ( scenografia ), Facoltà di Architettura

Docente di ruolo per l’insegnamento di : Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica; Disegno e Storia dell’Art ; Storia dell’Arte.

Attività didattica : docente di ruolo, ha insegnato Discipline architettoniche presso il Liceo Artistico di Corato; Disegno e Storia dell’Arte presso il Liceo Scientifico di Trani ; Storia dell’Arte presso il Liceo Classico di Trani.

Attività professionale : scenografo, designer, pittore, grafico

Opere pittoriche figurano in collezioni private e pubbliche

Incarichi pubbl. ricevuti : Minist. LL. PP.,sede regionale per la Puglia; sede regionale per la Sicilia

Rassegne internazionali : Svizzera, Lussemburgo, Gran Bretagna, Belgio, Slovenia

… Affondo le mie radici nella convinzione che il linguaggio figurativo non serva ad impressionare ma ad illuminare, a dedurre piuttosto che a costruire, ad eliminare anziché addurre ciò che distrattamente riteniamo verità.

Mi avvicino con pudore e diffidenza, conoscenza e timore, interpretandone l’analisi con atteggiamento scientifico e non pittorico, come se formulassi una nuova teoria planetaria, costellata di orbite, ellissi e sistemi solari.

Sono strutture linguistiche che presuppongono onestà intellettuale, morale, frutto di una lenta analisi supportata dalla possibilità di costruire emozioni artificiose mediate e caratterizzate dal di-segno, filo rosso dell’interpretazione e dell’affabulazione.

Non propongo oggetti intrappolati, almeno così appaiono, ma postulati, al pari di un “ geometra “ nella definizione dello spazio che intercorre fra loro e il bordo stesso del supporto, ottenuti mediante un’esecuzione esercitata da un bisturi, ponendone la compiutezza del segno come obiettivo finale, sintesi di un’attività elevata a pari dignità della scultura, pittura e architettura, riconoscendone una propria vita, autonoma ed autoritaria, decisiva e pur sempre plasmabile, tesa ma elastica e che permette il raggiungimento di un pensiero modificabile e acuto, soffice e pungente, mai ottuso e cieco.

Attenzione: si vota solo cliccando sulla stellina in cima al post

Comments

comments