Share

Votate cliccando sulle stelline e su mi piace Fb

Le votazioni sono chiuse dalle ore 21 di sabato 23 maggio 2015

Punteggio:

Like 149

Stelline 112

Diego Scarpellini

Iron

Anno 2014

Assemblaggio di materiali di recupero su piattaforma di legno, cm. 80x60x60

Il materiale di recupero (Marmitta, cono di legno, ghiere di metallo, molle di porte tagliafuoco, etc) è assemblato con dadi e bulloni e fascette autostringenti

Ho iniziato a dipingere come autodidatta, e solo da due anni (dal 2013) pratico la scultura con oggetti di recupero.  In quest’ultima forma di espressione ho trovato anche la giusta motivazione per presentarmi al pubblico e da circa sei mesi ho partecipato ad alcune esposizioni collettive in Firenze, presso la sede dell’associazione “Firenze Arte”, in Borgo Allegri e in Livorno al museo di storia naturale del Mediterraneo.

Le mie opere sono realizzate interamente avvalendomi di oggetti di recupero. Principalmente lavoro con il legno (manici di utensili di ogni genere, pomelli di armadio, vecchie pialle in disuso etc etc) e il metallo (marmitte arrugginite, pezzi di motore, pentole consumate etc etc) ma non mancano le plastiche e il vetro.

Tra le figure da me più rappresentate ci sono gli uccelli, e gli animali in genere. Ogni pezzo viene assemblato attraverso l’utilizzo di bulloni, rivetti o colle.  La prima fase del mio lavoro consiste nel recupero degli oggetti. Spesso ai bordi delle strade, nelle vecchie cantine o presso gli sfattini “incontro” quelli che saranno i pezzi delle mie sculture.

In un secondo momento mi ritiro nel mio laboratorio nella campagna lucchese. Qui ho costruito un mobile da lavoro, giusto per rimanere in tema con le mia specializzazione artistica, utilizzando le tavole di alcuni vecchi pallets. Tra trapani, mole, seghe elettriche, chiavi di ogni genere, cacciaviti e bulloni svolgo la mia opera, che consiste nell’assemblare gli oggetti che ho immagazzinato nel tempo, dando loro le forme più svariate.

Come ho detto prima prediligo raffigurare animali, ma non mancano anche le figure umane. Amo la solitudine nel momento della produzione e la musica jazz, etnica e cantautorale di sottofondo. La mia ispirazione nasce sempre nel segno dello musica, ma quella strimpellata con la mia chitarra e gli strumenti degli amici durante allegri convivi, ma anche quella ascoltata in concerti di ogni genere. Le melodie, i suoni, i ritmi e poi danzare, come liberazione, mi arricchisce e prepara la mia anima e stimola il mio ingegno alla produzione che verrà.

Comments

comments