Alessandro Danzini, Le due facce di un’unica meraviglia

Share

Alessandro Danzini, Le due facce di un'unica meraviglia

Le due facce di un’unica meraviglia, 2013 Olio su tela, cm. 60×100 Alessandro Danzini, nato a Pisa nel 1974 Nato a Pisa, vive da sempre a Livorno, città profondamente amata e che gli restituisce molto: non a caso il litorale labronico, le frastagliate coste e gli scorci pittoreschi rappresentano alcune tra le sue principali e più felici fonti d’ispirazione. Lo scandagliare l’orografia delle coste o del modularsi delle rocce alla (ri)scoperta di paesaggi dal sapore lunare, inverosimili ecosistemi creati dall’azione delle onde e del vento, ha portato Danzini all’individuazione di un differente concetto di “veduta marina”, ribaltando la situazione e tramutando delle comparse, gli scogli, in “attori protagonisti”: soggetti – le rocce appunto – di una Natura “altra e insospettabile” che, nelle sue tele, prende vita. Ogni puntuale pennellata, ogni gioco di luce.……….tende a evidenziare questa “presenza vitale”. E nel cogliere gli aspetti tremendamente pulsanti dell’inanimato, egli una volta di più accentua la totale assenza dell’uomo e del suo intervento, mancanza che diventa cardine in queste sue “nuove” vedute.………F.Mutti Alessandro Danzini

Comments

comments