Share

Votate cliccando sulla stellina

196 votes, average: 1,00 out of 1 (196 votes, average: 1,00 out of 1)
You need to be a registered member to rate this.
Loading...

Valentina May

La terza classe

Anno 2019

Tecnica mista, olio, graffette, cartolina antica, su carta, cm. 23×34

Strappi temporali, inserti di memoria ricuciti.

Tengo tra le mani una vecchia cartolina sdrucita, color seppia, trovata in mezzo ai libri di nonno: uomini, donne e bambini imbellettati in prima fila, mentre da dietro fanno capolino, macchinisti e militari; qualcuno accenna un sorriso, in posa tra i colori… per il mio ritratto emotivo. La terza classe ci ricorda “che la vera felicità costa poco…” come scriveva

François-René de Chateaubriand.

Laureata in scultura presso l’Accademia Albertina di belle arti di Torino nel 2004. Nel 2003 inizio una stretta collaborazione con due prestigiosi laboratori di scenografia per la tv, il teatro, moda e fieristica in qualità di scultrice e pittrice. Partecipo a svariati lavori per la televisione italiana (Mediaset, Sky, Rai) e teatri come Il Carlo Felice e lo Stabile di Genova. Formazione successiva alla laurea, d’ Industrial designer e tecnico dei beni culturali.

A seguito di una pluriennale vicenda personale segnata da attacchi di panico, lascio il lavoro ed accantono l’arte (è il 2010).

Dopo diversi anni di vuoto interiore, trovo nella pittura nuovi alfabeti grazie ai quali mi riavvicino all’arte che vivo come esigenza e bisogno di espressione. Oggi posso affermare di avere una nuova visione artistica, più personale, vera ed introspettiva. Ciò che all’inizio era un limite, un impedimento oggi è diventato la mia forza.

Attenzione: si vota solo cliccando sulla stellina in cima al post

Comments

comments