Share

Le votazioni sono chiuse

41 votes, average: 1,00 out of 1 (41 votes, average: 1,00 out of 1)
You need to be a registered member to rate this.
Loading...

Romeo Mesisca

Ghermito dall’Arte

Anno 2017

Pittura acrilica e spatola su  tela , cm. 100×100

Romeo Mesisca è nato a Roma nel 1944

Consegue a Roma la Maturità e dopo aver svolto il servizio di leva a Mantova inizia la l’attività artistica negli anni 70° entrando  a contatto con il gruppo “ I ragazzi di P.zza del Popolo” molto attivo in quel periodo a Roma nel quadrilatero P.zza di Spagna-P.zza del Popolo-Via Margutta e P.zza Navona. Espone per la prima volta nel 1973 alla Galleria D’Arte “Il Pendolo” di Roma insieme a Fiume, Isola, Attardi, Calabria, Monachesi e Vespaziani.

In quel periodo partecipa attivamente in politica al fermento politico e culturale iniziato nel 1968.

Dipinge quadri ispirandosi ai temi della classe operaia e alle vicende politiche e sociali in atto in quegli anni. Nel 1971 si unisce in matrimonio con Rossana Gavazza e dall’unione nasce il loro unico figlio Stefano.

Frequenta grandi artisti quali: Omiccioli, Guttuso, Sughi, Brindisi con cui fortifica l’impegno artistico ricevendo influssi che saranno una guida che segnerà il suo percorso artistico nella pittura.

A soli 30 anni nel 1974 gli viene conferito il “Campidoglio D’Oro” con la nomina di Maestro d’Arte H.C. per la pittura dal Comune di Roma  e dalla Fondazione “ARS DICTANDI”.

Negli anni 80° Mesisca è molto attivo nel panorama artistico Romano  partecipando ad esposizioni collettive e mostre personali.

In quegli anni viene invitato a far parte del movimento artistico “ Zuleika” fondato e curato  da Diana Gripenberg nipote del poeta scandinavo Bertel Gripenberg; collabora con la Galleria D’Arte “La Parametro” di Via Margutta  a Roma partecipando alle prime televendite; ed entra a far parte del gruppo artistico romano “Artisti in Galleria” organizzato dal Radiogiornale  esponendo  ogni mese per alcuni anni nell’ex Galleria Colonna a Roma.

Nel 1990 si trasferisce a Labaro nella zona nord di Roma nello studio lasciato dal Pittore Pasquale Monaco e lo trasforma in una bottega d’arte aperta al pubblico per trasferire le sue conoscenze tecniche del disegno e della pittura.

Nel 1996 esce la sua prima monografia edita dalla “BOR-ART” di Roma  in occasione di una mostra personale alla Galleria “La Sfinge” di Roma.

In quegli anni gli viene offerta come rappresentante degli artisti Italiani la nomina a membro della Commissione Regionale del Lazio (ex legge 200) insieme allo storico d’arte Prof. Giuseppe Appella e al Prof. Claudio Strinati sovraintendente ai beni culturali del Lazio.

Il Comune di Tuscania (VT) invita Mesisca nel 2001 con una mostra personale  ad esporre nell’ex “Tempio di S,Croce” in occasione del centenario della nascita di Giuseppe Cesetti.

Nel 2004 lascia l’incarico d’insegnante al Comune di Roma.

Nel 2005 è invitato a rappresentare l’Italia alla 5° edizione della “Biennale Internazionale dell’Arte a Firenze”

Nel 2007 Mesisca partecipa per un anno all’esposizione “Obiettivo POP “organizzato dalla “Bellini Arte “ di Pisa e contemporaneamente viene invitato dal critico d’arte Maria Teresa Prestigiacomo ad esporre a “Palazzo Corer” a Venezia (Campo Santa Fosca) in occasione dei alcune manifestazioni dell’Istituto Rumeno in Italia.

Nel 2008 invitato dalla Galleria D’Arte “Firme d’Autore” di Giarre (CT) partecipa alla “Fiera Internazionale di Agrigento”.

Nel 2010 viene pubblicato il libro di Mesisca “ Vivere la vita con il colore “ edito dalla Società Artenews e I-LXY srl di Bologna.

Nel 2014 viene selezionato per partecipare alla”1° Biennale D’Arte Internazionale di Benevento”

Nel 2016 riceve il primo premio per la pittura con medaglia aurea al “Premio Apollo Dionisiaco ”.

Riceve nel 2017 la laurea H.C. dall’Accademia Internazionale dei Dioscuri (Per aver contribuito a divulgare con grande successo la cultura in Italia ed all’Estero), e nello stesso anno viene nominato Presidente della Commissione Tecnica al “Premio Iside 2017 “di Benevento.

Attenzione: si vota solo cliccando sulla stellina in cima al post

Comments

comments