Le votazioni sono chiuse dalle ore 21 di sabato 13 maggio

Punteggio:

Stelline 106

Sara Grassi

Face Off

Anno 1998

Pastelli e carboncino nero su carta da disegno semi ruvida, cm. 48×33.5

“Vedere oltre”, l’affascinante studio di un volto che non c’è più…all’osservatore lascio immaginare e ricostruire a seconda dell’umore, gli stati d’animo, l’ambiente esterno, il tempo, le stagioni quello che la sua mente in quel momento desidera vedere.
Essere artista è essere un po’ come non essere conformi ad un sistema stereotipato ma adottare di giorno in giorno un mutamento. Questo, assume forme diverse e cambia a seconda l’umore, gli stati d’animo, l’ambiente esterno, il tempo, le stagioni. Il cambiamento è arte quando lo si favorisce e lo si arricchisce.
Sara Grassi nasce nel 1981 a Firenze e di Firenze ne ruba quell’amore per l’arte che è come fortemente radicato in quella meravigliosa terra di artisti.
Frequenta il Liceo Artistico e successivamente l’Università di Medicina, in questi anni Sara sperimenta e vive la sua arte in continua crescita per le strade di Firenze percorse in motorino, quando può fugge sulle verdi colline a contemplare quella stupenda campagna ed infine corre e si batte sui campi da tennis, sport che pratica a livelli agonistici.
Gli studi di medicina infine la affascinano per quel concetto di “vedere oltre” e comprendere ciò che si nasconde e va trovato. L’arte si trasforma e muta quindi, Sara Grassi appartiene a quei pittori che adottano la semplicità e la trasformano in sogni.

Attenzione: si vota solo cliccando sulla stellina in cima al post

Comments

comments