Share

Le votazioni sono chiuse dalle ore 21 di sabato 13 maggio

Punteggio:

Stelline 8

Luisa Lenzerini

Il cappotto giallo

Anno 2016

Tecnica mista su tela, cm. 100×100

Luisa Lenzerini è nata nel 1963. Dopo il diploma presso il Liceo Artistico ha frequentato a Firenze corsi di grafica pubblicitaria. Dopo molti anni dedicati alla famiglia riesce a riprendere il suo percorso artistico. Vari sono i temi e le tecniche che affronta. Le ballerine e la danza la ispirano nelle opere che riguardano il piede e il suo movimento. I l piede diviene anche tema per le opere che guardano a trenta centimetri da terra: realizza lunghe tele di passaggi alla stazione, in un sottopassaggio, persone che camminano in un verso e nell’altro, il cui incrociarsi alla fine intreccia le loro vite in un apparente casuale groviglio. Ognuno ha il suo percorso che si incontra e scontra con quello di tutti gli altri. Ognuno, con il proprio passo, percorre il sentiero della vita intrigandosi con le vite degli altri e creando innumerevoli contrasti di colore. L’uso di grandi campi di un determinato colore, spatolato con ampi movimenti, caratterizza le opere di quest’ultimo periodo. L’artista ripete uno stesso soggetto, di semplice identificazione, in colori diversi. Questo è un modo per rappresentare gli infiniti colori dell’animo umano e dell’ambiente a lui più prossimo, tenendone fissa l’uguaglianza: siamo tutti esseri umani, anche extra umani, egualmente perfetti. Le tonalità seguono lo stato d’animo; il blu il verde il bianco, potrebbero essere la gradazione del mare, ma anche i colori delle fiabe, il verde il colore della rinascita, il rosso colore della passione, del sangue, il giallo il colore del sole.
La serie degli indumenti, alla quale appartiene “Il cappotto giallo” coniuga il lavoro sul colore con la ricerca della traccia, di cosa rimane. Ogni cappotto, scarpa, corpetto, veste, trattiene qualcosa di chi lo ha indossato, l’impronta dell’anima.

Attenzione: si vota solo cliccando sulla stellina in cima al post

Comments

comments